> FAQs

 

trainanti (3)

Si, se l’intervento è effettuato congiuntamente ad uno degli interventi trainanti effettuati dal condominio, e la caldaia possiede le caratteristiche indicate nell’articolo 14 del decreto legge n. 63 del 2013. (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Si se l’intervento è effettuato congiuntamente ad uno degli interventi trainanti effettuati dal condominio, si certifica il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio e le finestre comprensive di infissi possiedono le caratteristiche di trasmittanza termica indicate nel decreto 19 febbraio 2007 . (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Sì, la legge specifica che dove non sia possibile conseguire il miglioramento di due classi energetiche, sia sufficiente il conseguimento della classe energetica più alta, per l’appunto l’A4. (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

crediti di imposta (1)

Sì, la legge specifica che dove non sia possibile conseguire il miglioramento di due classi energetiche, sia sufficiente il conseguimento della classe energetica più alta, per l’appunto l’A4. (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

condominio (8)

Si, se l’intervento è effettuato congiuntamente ad uno degli interventi trainanti effettuati dal condominio, e la caldaia possiede le caratteristiche indicate nell’articolo 14 del decreto legge n. 63 del 2013. (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Si se l’intervento è effettuato congiuntamente ad uno degli interventi trainanti effettuati dal condominio, si certifica il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio e le finestre comprensive di infissi possiedono le caratteristiche di trasmittanza termica indicate nel decreto 19 febbraio 2007 . (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

La sostituzione del generatore di calore è sufficiente per godere della detrazione al 110%. Sono ammesse le spese relative all’adeguamento dei sistemi di distribuzione (tubi), emissione (sistemi scaldanti) e regolazione (sonde, termostati e valvole termostatiche). (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Sì, a condizione che il tetto sia elemento di separazione tra il volume riscaldato e l’esterno, che anche assieme ad altri interventi di coibentazione eseguiti sull’involucro opaco incida su più del 25% della superficie lorda complessiva disperdente e che gli interventi portino al miglioramento di due classi energetiche dell’edificio, anche congiuntamente agli altri interventi di efficientamento energetico e all’installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo. (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Per il cappotto ai fini del bonus 110% occorre che la facciata su cui si interviene superi il 25% della superficie disperdente lorda. Per il rifacimento della facciata su strada si rende applicabile il bonus facciate con la detrazione del 90% con possibilità di optare, in alternativa alla detrazione in dichiarazione dei redditi, per lo sconto in fattura o la cessione del credito di imposta. I corrispettivi, le fatture e i pagamenti per i due interventi devono essere tenuti separati. (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

La risposta è affermativa per gli interventi trainanti (cappotto e eventuale impianto di riscaldamento), mentre per sostituzione infissi, fotovoltaico e pompa di calore la soluzione è possibile solo se il locale commerciale è posseduto da una persona fisica non esercente attività commerciale. (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Si tratta di unità immobiliari funzionalmente indipendenti all’interno di edifici plurifamiliari, ma con accessi autonomi (articolo 119, primo comma, lettera c) in cui la detrazione si raggiunge con efficienza almeno pari alla classe A. A queste condizioni la detrazione spetta. (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Non si tratta di una unità immobiliare in edificio plurifamiliare, quindi sono ammessi solo i lavori sulle parti comuni, a meno di sposare l’idea di edificio contenuta nell’articolo 2 del Dlgs 192/2005: «edificio» è «un sistema costituito dalle strutture edilizie esterne che delimitano uno spazio di volume definito, dalle strutture interne che ripartiscono detto volume e da tutti gli impianti e dispositivi tecnologici che si trovano stabilmente al suo interno; la superficie esterna che delimita un edificio può confinare con tutti o alcuni di questi elementi: l’ambiente esterno, il terreno, altri edifici; il termine può riferirsi a un intero edificio ovvero a parti di edificio progettate o ristrutturate per essere utilizzate come unità immobiliari a sé stanti». (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus
generale (9)

Si, se l’intervento è effettuato congiuntamente ad uno degli interventi trainanti effettuati dal condominio, e la caldaia possiede le caratteristiche indicate nell’articolo 14 del decreto legge n. 63 del 2013. (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Si se l’intervento è effettuato congiuntamente ad uno degli interventi trainanti effettuati dal condominio, si certifica il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio e le finestre comprensive di infissi possiedono le caratteristiche di trasmittanza termica indicate nel decreto 19 febbraio 2007 . (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

La sostituzione del generatore di calore è sufficiente per godere della detrazione al 110%. Sono ammesse le spese relative all’adeguamento dei sistemi di distribuzione (tubi), emissione (sistemi scaldanti) e regolazione (sonde, termostati e valvole termostatiche). (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Sì, a condizione che il tetto sia elemento di separazione tra il volume riscaldato e l’esterno, che anche assieme ad altri interventi di coibentazione eseguiti sull’involucro opaco incida su più del 25% della superficie lorda complessiva disperdente e che gli interventi portino al miglioramento di due classi energetiche dell’edificio, anche congiuntamente agli altri interventi di efficientamento energetico e all’installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo. (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Per il cappotto ai fini del bonus 110% occorre che la facciata su cui si interviene superi il 25% della superficie disperdente lorda. Per il rifacimento della facciata su strada si rende applicabile il bonus facciate con la detrazione del 90% con possibilità di optare, in alternativa alla detrazione in dichiarazione dei redditi, per lo sconto in fattura o la cessione del credito di imposta. I corrispettivi, le fatture e i pagamenti per i due interventi devono essere tenuti separati. (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

La risposta è affermativa per gli interventi trainanti (cappotto e eventuale impianto di riscaldamento), mentre per sostituzione infissi, fotovoltaico e pompa di calore la soluzione è possibile solo se il locale commerciale è posseduto da una persona fisica non esercente attività commerciale. (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Si tratta di unità immobiliari funzionalmente indipendenti all’interno di edifici plurifamiliari, ma con accessi autonomi (articolo 119, primo comma, lettera c) in cui la detrazione si raggiunge con efficienza almeno pari alla classe A. A queste condizioni la detrazione spetta. (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Non si tratta di una unità immobiliare in edificio plurifamiliare, quindi sono ammessi solo i lavori sulle parti comuni, a meno di sposare l’idea di edificio contenuta nell’articolo 2 del Dlgs 192/2005: «edificio» è «un sistema costituito dalle strutture edilizie esterne che delimitano uno spazio di volume definito, dalle strutture interne che ripartiscono detto volume e da tutti gli impianti e dispositivi tecnologici che si trovano stabilmente al suo interno; la superficie esterna che delimita un edificio può confinare con tutti o alcuni di questi elementi: l’ambiente esterno, il terreno, altri edifici; il termine può riferirsi a un intero edificio ovvero a parti di edificio progettate o ristrutturate per essere utilizzate come unità immobiliari a sé stanti». (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Sì, fermo restando la necessità di eseguire almeno uno degli interventi trainanti, è necessario conseguire un miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio (condominio o unifamiliare) o delle unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari le quali siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno. Il miglioramento di almeno due classi energetiche potrà essere ottenuto anche realizzando, congiuntamente ad almeno uno degli interventi trainanti, tutti gli altri interventi previsti dall’ecobonus (come la sostituzione di infissi, serramenti, schermature solari, sistemi di building automation, etc.), compresa anche l’installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo per l’energia prodotta, e dovrà essere dimostrato mediante la redazione di due appositi attestati di prestazione energetica, ante e post intervento, secondo le indicazioni che saranno specificate nel decreto che sarà emanato ai sensi del comma 3-ter dell’articolo 14 del decreto-legge n. 63 del 2013. (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Categories: generale, superbonus
superbonus (11)

Si, se l’intervento è effettuato congiuntamente ad uno degli interventi trainanti effettuati dal condominio, e la caldaia possiede le caratteristiche indicate nell’articolo 14 del decreto legge n. 63 del 2013. (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Si se l’intervento è effettuato congiuntamente ad uno degli interventi trainanti effettuati dal condominio, si certifica il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio e le finestre comprensive di infissi possiedono le caratteristiche di trasmittanza termica indicate nel decreto 19 febbraio 2007 . (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

La sostituzione del generatore di calore è sufficiente per godere della detrazione al 110%. Sono ammesse le spese relative all’adeguamento dei sistemi di distribuzione (tubi), emissione (sistemi scaldanti) e regolazione (sonde, termostati e valvole termostatiche). (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Sì, a condizione che il tetto sia elemento di separazione tra il volume riscaldato e l’esterno, che anche assieme ad altri interventi di coibentazione eseguiti sull’involucro opaco incida su più del 25% della superficie lorda complessiva disperdente e che gli interventi portino al miglioramento di due classi energetiche dell’edificio, anche congiuntamente agli altri interventi di efficientamento energetico e all’installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo. (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Per il cappotto ai fini del bonus 110% occorre che la facciata su cui si interviene superi il 25% della superficie disperdente lorda. Per il rifacimento della facciata su strada si rende applicabile il bonus facciate con la detrazione del 90% con possibilità di optare, in alternativa alla detrazione in dichiarazione dei redditi, per lo sconto in fattura o la cessione del credito di imposta. I corrispettivi, le fatture e i pagamenti per i due interventi devono essere tenuti separati. (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

La risposta è affermativa per gli interventi trainanti (cappotto e eventuale impianto di riscaldamento), mentre per sostituzione infissi, fotovoltaico e pompa di calore la soluzione è possibile solo se il locale commerciale è posseduto da una persona fisica non esercente attività commerciale. (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Si tratta di unità immobiliari funzionalmente indipendenti all’interno di edifici plurifamiliari, ma con accessi autonomi (articolo 119, primo comma, lettera c) in cui la detrazione si raggiunge con efficienza almeno pari alla classe A. A queste condizioni la detrazione spetta. (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Per ottenere l’ecobonus le unità immobiliari devono essere dotate di impianto di riscaldamento preesistente. (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Category: superbonus

Non si tratta di una unità immobiliare in edificio plurifamiliare, quindi sono ammessi solo i lavori sulle parti comuni, a meno di sposare l’idea di edificio contenuta nell’articolo 2 del Dlgs 192/2005: «edificio» è «un sistema costituito dalle strutture edilizie esterne che delimitano uno spazio di volume definito, dalle strutture interne che ripartiscono detto volume e da tutti gli impianti e dispositivi tecnologici che si trovano stabilmente al suo interno; la superficie esterna che delimita un edificio può confinare con tutti o alcuni di questi elementi: l’ambiente esterno, il terreno, altri edifici; il termine può riferirsi a un intero edificio ovvero a parti di edificio progettate o ristrutturate per essere utilizzate come unità immobiliari a sé stanti». (Fonte:  I Libri del Sole 24 ORE Settimanale N. 22/2020 – Luglio 2020)

Categories: condominio, superbonus

Sì, la legge specifica che dove non sia possibile conseguire il miglioramento di due classi energetiche, sia sufficiente il conseguimento della classe energetica più alta, per l’appunto l’A4. (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Sì, fermo restando la necessità di eseguire almeno uno degli interventi trainanti, è necessario conseguire un miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio (condominio o unifamiliare) o delle unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari le quali siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno. Il miglioramento di almeno due classi energetiche potrà essere ottenuto anche realizzando, congiuntamente ad almeno uno degli interventi trainanti, tutti gli altri interventi previsti dall’ecobonus (come la sostituzione di infissi, serramenti, schermature solari, sistemi di building automation, etc.), compresa anche l’installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo per l’energia prodotta, e dovrà essere dimostrato mediante la redazione di due appositi attestati di prestazione energetica, ante e post intervento, secondo le indicazioni che saranno specificate nel decreto che sarà emanato ai sensi del comma 3-ter dell’articolo 14 del decreto-legge n. 63 del 2013. (Fonte: Agenzia delle entrate Superbonus 110% – Luglio 2020)

Categories: generale, superbonus